Fedez canta in playback? Lite fra il rapper, una giornalista e Matteo Salvini

fedez-playback-capannini.jpg

Fedez contro tutti. Di nuovo. Partiamo dai fatti: domenica 6 dicembre il rapper milanese è stato ospite della discoteca Capannina di Viareggio. Era previsto un dj-set e quello è stato. Il pubblico accorso alla discoteca toscana (tre mila persone in un locale che ne può contenere solo millecinquecento), però, non è rimasto soddisfatto e molti giovani si sono sfogati su Facebook. La giornalista Chiara Giannini ha riportato il tutto sul quotidiano Libero in edicola martedì 8 dicembre: “Il rapper italiano più amato dai teenager […] per 35 euro ha suonato appena 5 canzoni. I biglietti costavano 30 euro per le donne e 35 per gli uomini. Gli organizzatori hanno permesso l’entrata nel locale a un numero maggiore rispetto a quello consentito”. Non solo: “Oltre al danno la beffa” – prosegue la giornalista – ovvero il presunto playback da parte dell’artista. “E’ una follia”, scrivono i fan. “C’è chi si è sentito male”, “avrebbe potuto trasformarsi in tragedia. Non si respirava, non ci si riusciva a muovere”.

La risposta del rapper non si è fatta attendere ed è arrivata sempre tramite social: “Sono mortificato. Io ho passato 4 ore chiuso in un bagno perché dovevano far defluire la fila che stava per sfondare un vetro, so che qualcuno si è fatto anche male. Purtroppo in queste situazioni sono costretto ad andare via per evitare che qualcuno si faccia realmente male, sono sicuro ci sarà una nuova occasione”. E poi: “Era un dj set, non un concerto. Sono mortificato ma purtroppo la gestione e l’organizzazione del locale non dipendono da me, sono rimasto chiuso in un bagno fino a tardi per vedere se si riusciva a riprendere le foto ma il rischio che qualcuno si facesse male era altissimo. Spero non vi abbiano detto che quello di ieri era un concerto”. Infine replica alla giornalista sopracitata: “In playback ci canta tua madre. Qui dove anche un giornalaio può fare il giornalista”.